Pagine

Il libro delle fiabe, terza puntata..


                                 Capitolo 3
  Marta e Mattia avevano lasciato la casa dell’ uomo rana, e avevano passato tutto il giorno a pensare come tornare nella loro vera casa. Ormai si era fatta sera  e i due  adolescenti dovevano dormire, ma non avevano nessun luogo dove  poter riposare. Così , non avendo altra scelta, ritornarono dal loro unico amico. Lui, che già li aveva preceduti, aveva preparato per loro una bella cenetta, e gli  aveva promesso che il giorno dopo li avrebbe aiutati a ritornare a casa; ma dopo le 11:00, doveva tornare nella sua grotta  perché aveva un appuntamento importante… Così la serata trascorse piacevolmente e molto velocemente. I due ragazzi per tutta la sera si riposarono e non pensarono all’ indomani e all' avventura che stavano per affrontare. Il giorno seguente partirono, ma questa volta erano più preparati perché  il principe ranocchio aveva preparato loro degli zaini, con tutto l’ occorrente per affrontare il viaggio. Come promesso il principe ranocchio li accompagnò nel punto in cui loro erano caduti; ma ben presto, si accorsero, che il portale era chiuso, anzi era troppo in alto per poterlo raggiungere. Così i due gemelli furono costretti a trovare un altro modo per tornare a casa . Marta era molto triste , Mattia invece non sentiva minimamente la mancanza di casa . Il loro amico  però già se ne era andato, per il suo appuntamento, e   così vagarono per tutto il pomeriggio e arrivarono davanti ad un castello, dove stavano entrando molte persone, ben vestite e molto curate, ma erano tutte molte strane: abiti lunghi, parrucche variopinte e molto trucco, così capirono che qualcosa non andava (continua...).

I FUMETTI E I MANGA

FUMETTI E MANGA

I fumetti e i manga sono dei testi in cui ci sono dei disegni con personaggi che parlano, attraverso “balloon”, letteralmente bolle di testo, con super poteri e che devono sconfiggere demoni malvagi. I manga sono in bianco e nero.

Altri venivano e vengono, ancora oggi,  trasmessi in TV,. Es: I Cavalieri dello zodiaco, Dragon Ball Super, One Piece ecc.
I fumetti possono essere colorati o no. Ad esempio le avventure con Paperino, Topolino, Zio Paperone, Pippo, il commissario Basettoni, il vice Manetta, Paperina, Pico de Paperis, Qui, Quo e Qua, Eta Beta, Minnie, i loro familiari. Quest’anno Topolino ha compiuto 90 anni, Paperino 85 e Paperinik 50.  

PK è un super eroe in un mondo parallelo a quello in cui Paperino si traveste da Paperinik; qui Paperino diventa PK perché, un’ associazione intergalattica, ha scelto lui  come eroe del suo pianeta. Ha un marchingegno che gli permette di avere poteri per sconfiggere i distruttori della Galassia.
      





Che superiori!


...Che superiori!

Giulia- Dai ragazze, ora che siamo uscite da scuola andiamo a vedere come sono le scuole superiori!
Sabrina- Sì,dai andiamo, che ci costa! ahahahah!
Ambra- sì dai, ah mi sono scordata di dirvi che oggi venendo a scuola ho visto una scuola superiore, sembra bella.
Giulia- Proviamoci!
Sabrina- Dai corriamo o perdiamo l' autobus.
Ambra- sì, ma quale autobus?
Giulia- il 478.
Sabrina- Sì OK DAMOCE 'NA MOSSA!
Ambra- la scuola si chiama favola 345.
Giulia- Già dal nome mi piace!
Sabrina- Ma non è che il nome è bello e invece non lo è!
Ambra- no, tranquilla sicuramente sarà bella.
Giulia- basta, annamo e vedremo!

Sabrina- chi arriva per
 ultima dà 10 euro alle altre due!
Ambra-viaaaaa...ops siamo arrivate tutte insieme!
Giulia-dai entriamo!
UNA VOLTA ENTRATE la porta si chiuse dietro di loro e non si apriva più!

Sabrina- OH AMBRA NON SCHERZARE, APRI LA PORTA!
Ambra- non sono stata io, è stata Giulia.
Giulia-ma non è vero, non sono stata io
INSIEME AAAAAAAH!


continua...


E CHE SUPERIORI....
GIULIA-NO RAGAZZE NON SCHERZIAMO, MAGARI C'E' UNA SECONDA CHIAVE, CERCHIAMOLA!

SABRINA-OK ANDIAMO A CERCARLA, MA MUOVIAMOCI.
AMBRA-BASTA CHE CI SBRIGHIAMO, VOGLIO TORNARE A CASA PER CENA PERCHE' MIA MAMMA FA LE LASAGNE!
GIULIA- MUOVIAMOCI O SENNO' SAREMO NOI LA CENA PER QUALCUNO.
SE USCIAMO VIVE AMBRA POSSO VENIRE A CENA DA TE?
SABRINA-MA VI SEMBRA IL MOMENTO DI PENSARE ALLA CENA?
ANCHE IO VOGLIO VENIRE A CENA DA TE.
AMBRA-OK, PERO’ ORA PENSIAMO A QUELLA BIDELLA CON QUELLA GROSSA FALCE APPUNTITA!!!
MINDY-RAGAZZE SCAPPATE O RIMARRETE QUI PER SEMPREEE!
ARTURO-MINDY MA E’ COSì CHE ACCOGLI LE NOSTRE NUOVE ARRIVATE...
MA BENVENUTE!
AHAHAHAH!!!!!!

AIUTOOOO!


Continua...



GIULIA- AIUTO, MA TU CHI SEI?
Sabrina- NON FARE DOMANDE, RAGAZZE HO UN IDEA TOCCHIAMO LA COLLANA
AMBRA- Sì, BELLA IDEA
Sabrina- 3 2 1
VIA!
AMBRA E GIULIA-NOOO!SABRINAAAAAAA!
DOPO UNA NUVOLA DI POLVERE... SABRINA SCOMPARVE...
GIULIA-PROVIAMO A TOCCARE LA COLLANA!

SABRIIII CIAOO!
Sabrina era finita nel ciondolo della collana!
SABRINA- Ragazze ho un'idea seguite le mie indicazioNi e sopraVviverete...
AMBRA- CHE GIOIA:(!!!
OK FAREMO COME DICI TU!!
GIULIA-MA MINDY TU DA QUANTO SEI QUI? PERCHE' SEI QUI?
SABRINA-DAI MUOVETEVI!
AMBRA- OK DICCI COSA FARE!!!!
MINDY-VENITE CORRETE
SABRINA- DAI RAGAZZE CHE ASPETTATE CORRETEEEEE!
GIULIA- RAGAZZE MUOVIAMOCI HO MOOLTA PAURA.
AMBRA- ANCHE IO
MINDY- DA QUESTA PARTE VENITE
GIULIA- MA CHE POSTO E' MAI QUEStO?
SABRINA- SONO DEI VECCHI BAGNI, ORA ASCOLTATE DOVETE TROVARE UN ASCIA CHE SI TROVA NELLA STANZA AcCANTO E POI SPACCATE IL MURO E TROVERETE UNA PORTA.
AMBRA-OK PERO' SBRIGHIAMOCI HO MOLTA FAMEEE!
MINDY-TROVATA MA ORA CONTROLLATE GLI ANGOLI E CERCATE UNA CHIAVE
GIULIA- RAGAZZE MA AVESTE VISTO LA COLLANA DI MINDY C'E' UNA CHIAVE PROVIAMOLA

SIIII FINALMENTE LIBERE
AMBRA- E ORA LASAGNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!
INSIEME
SIIIII, SE MAGNAAAA!
FINE!!!

sabrina andreozzi 2e giulia emili 1e ambra bucci 1e

















































27 gennaio 2020, il Giorno della Memoria.







27 Gennaio
Il Giorno della Memoria
Il Giorno della Memoria è una ricorrenza internazionale celebrata il 27 Gennaio di ogni anno, come giornata per commemorare le vittime dell’Olocausto. Si è stabilito di celebrare il Giorno della Memoria ogni 27 Gennaio perché in quel giorno, del 1945, le truppe dell’Armata Rossa, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz e i pochi superstiti.
Ad Auschwitz, circa 10 giorni prima, i nazisti si erano rovinosamente ritirati portando con loro, in una marcia della morte, tutti i prigionieri sani, molti dei quali morirono durante la marcia stessa.
L’apertura dei cancelli di Auschwitz mostrò al mondo intero non solo i molti testimoni della tragedia, ma anche gli strumenti di tortura e di annientamento utilizzati in quel lager nazista.
Nonostante i sovietici avessero liberato circa sei mesi prima di Auschwitz, il campo di concentramento di Majdanek e (conquistato nell’estate del 1944) anche le zone in cui si trovavano i campi di sterminio di Belzec, Sobibor e Treblinka, fu stabilito che la celebrazione del giorno della Memoria coincidesse con la data in cui venne liberato Auschwitz.

Alessandro Mieli 1C


Vi consigliamo di ascoltare il celebre monologo di Charlie Chaplin da Il Grande Dittatore, un inno alla pace e all'amore tra gli uomini!
Qui sotto il link:




Australia, finalmente una buona notizia.



Australia

Finalmente una buona notizia per l'Australia, colpita da mesi da incendi boschivi senza precedenti che hanno causato 28 morti e gravissimi danni alla fauna: giovedì mattina le piogge hanno aiutato il lavoro dei vigili del fuoco.   Le "buone piogge" si sono verificate giovedì mattina nello stato del Nuovo Galles del Sud (nell'Australia sud-orientale), dove ci sono gli incendi più grandi. "E' un sollievo per i vigili del fuoco che lavorano nel New South Wales", ha detto il New South Wales Rural Fire Service in un commento pubblicato sui social con un video che mostra la pioggia che cade su una foresta in fiamme. "Questa pioggia non spegnerà tutti i fuochi, ma contribuirà a contenerli". Prima delle prime gocce di pioggia, c'erano ancora una trentina di incendi fuori controllo.

I pompieri salvano dalle fiamme gli alberi preistorici
E non si tratta dell'unica buona notizia. I vigili del fuoco sono riusciti a salvare dalle fiamme l'ultimo bosco conosciuto al mondo di pini di Wollemi, una conifera che era diffusa nella preistoria, al tempo dei dinosauri. Il direttore del parco nazionale Wollemi National Park, spiega l'Ap, ha raccontato che i pompieri hanno raggiunto la foresta, che si trova in una remota gola nelle Blue Mountains, in elicottero una settimana prima che un violento incendio raggiungesse la zona ed hanno irrigato e trattato gli alberi per farli resistere alle fiamme.
 La missione dei pompieri per salvare "l'albero dinosauro"
Ora il bosco dei circa 200 pini di Wollemi si staglia verde e ancora rigoglioso, circondato da chilometri di ambiente carbonizzato. Fino al 1994 la "Wollemianobilis" era conosciuta solo nella sua forma fossilizzata e si pensava che fosse estinta da milioni di anni, quando in quell'anno è stato scoperto il bosco dalla guardia forestale David Noble in questa gola sperduta a ovest di Sydney.


Doros Ana Maria     3F

 


Dovete studiare!


          DOVETE STUDIARE

        Come mai i ragazzi di oggi non studiano più?
I ragazzi ormai non studiano più ed è sbagliato, perché se non studiano non potranno mai fare carriera e non troveranno mai un lavoro. Se siete studenti con poca voglia di studiare e se sopravvivete a scuola grazie ai bigliettini e alla fortuna, allora è in arrivo una brutta notizia per voi.
Uno studio condotto dall'OCSE ha rivelato che tutte le informazioni e le conoscenze che vi state perdendo adesso non lo recupererete più! I casi più  curiosi sono quelli registrati tra gli  italiani e gli spagnoli nell' ambito della lettura. I risultati italiani tuttavia sono tra i più bassi, ma cosa vogliono dire concretamente questi dati? Forse noi studenti italiani non figuriamo tra i migliori studenti del mondo per i nostri risultati, ma recentemente uno studio OCSE ha rivelato che anche noi eccelliamo in qualcosa: siamo infatti tra gli studenti che passano più tempo a fare i compiti rispetto ai nostri coetanei in giro per il  mondo.
Se la media mondiale di 9 ore settimanali passate a casa sui libri,  noi arriviamo addirittura a una media di 12 ore settimanali.  Ci sono però differenze fra gli studenti italiani stessi: quelli che studiano di più (e arrivano a studiare 11 ore alla settimana) sono principalmente i più benestanti e quelli che vivono vicino scuola, mentre studiano di meno ( circa 6 ore alla settimana) coloro che hanno più difficoltà economiche e che vivono fuori dal centro e che quindi , essendo costretti a viaggiare, perdono tempo prezioso. Coloro che studiano di più solitamente tendono a registrare punteggi maggiori nel test Pisa ( invalsi,  tuttavia l’OCSE rileva che i risultati riportati dai ragazzi che studiano più di quattro ore non variano più di tanto e che quindi non riporta tanti vantaggi studiare moltissimo tempo dopo le quattro ore. I migliori però restano i finlandesi e i giapponesi. In particolar modo svettano le classifiche i studenti di Shangai in campo matematico i quali dicono di studiare 14 ore alla settimana. 
E VOI QUANTE ORE ALLA SETTIMANA PASSATE SUI LIBRI A CASA? E SOPRATTUTTO STUDIATE CON IMPEGNO E SERIETA’!!!                                                                                                              
Alessandro Molinaro , Roberto Lauretti,  Fu Haoxiang,  Patrizio Tambara 3A

Il libro delle fiabe, seconda puntata


Capitolo 2
Marta e Mattia erano andati ad esplorare il libro, ma quando atterrarono sull’ erba si accorsero che tutti i libri e le matite lanciate non c’ erano più. Ad un tratto sentirono dei suoni provenire da un cespuglio , e si spaventarono, il cespuglio si muoveva sempre di più e i ragazzi avevano sempre più paura , e solo grazie a Mattia non scapparono (perché Mattia era pieno di curiosità).
Ad un tratto dal cespuglio spuntò un uomo che assomigliava ad una rana, Marta e Mattia scapparono verso la foresta e l’ uomo li rincorse. Ormai stanchi per la lunga corsa , si fermarono e si ritrovarono davanti ad una grotta, l’ uomo rana li raggiunse e iniziò a parlare: “ Ciao ragazzi! Ho conservato tutte le cose che avevate lanciato , in attesa del vostro arrivo. Perché… sapevo sareste venuti presto. Oh scusate , che maleducato che sono, non mi sono ancora presentato ; io sono il principe ranocchio. Sono qui per ospitarvi nella mia casa, per tutto il tempo in cui rimarrete qui”. Marta e Mattia non sapevano cosa dire, erano letteralmente sconvolti , ma acconsentirono e basta , senza obiettare ; poiché erano da soli in un universo parallelo e il principe ranocchio era l’ unica persona che conoscevano ed erano molto stanchi dopo la loro corsa. Erano passati un po’ di giorni da quando erano arrivati in quel posto strano e avevano fatto amicizia con il principe ranocchio e scoprirono che era una persona veramente magnifica. Ma ben presto iniziarono a sentire la mancanza della loro mamma e del loro mondo, volevano tornare a casa! Quando raccontarono le loro intenzioni al principe ranocchio, lui rimase sconvolto, poiché aveva paura che loro si perdessero e non riuscissero a tornare . Ma Marta e Mattia , non vollero ascoltarlo erano determinati a ritornare a casa e così continuarono il loro viaggio nel libro delle fiabe ... (continua).